Avatar for Emerson Welch

by Emerson Welch  |  Luglio 7, 2022

Le tre R dell’automazione dei contenuti

The Three Rs of Content Automation

Dalla creazione al consumo, è in corso una trasformazione dei contenuti

Si è verificato un drastico cambiamento di contenuto. Sono lontani i giorni dei contenuti statici; ora deve essere dinamico, personalizzato, ricco di interattività e accessibile ovunque, in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo.

Per soddisfare queste aspettative e rimanere competitive nell’era digitale odierna, le organizzazioni stanno cambiando il modo in cui creano, gestiscono e pubblicano i contenuti. L’automazione è al centro di questa trasformazione e garantisce che gli ecosistemi di contenuti siano pronti per il futuro per soddisfare le esigenze omnicanale dei creatori di contenuti e dei consumatori.

Per apprezzare il valore fornito da una piattaforma di automazione dei contenuti, devi prima capire come si è evoluto il contenuto. Non molto tempo fa, la stampa era il principale canale di comunicazione, quindi le organizzazioni hanno investito molto in processi e sistemi di contenuti incentrati sulla stampa.

Ma non riescono a tenere il passo con gli attuali modelli di consumo dei contenuti. Ad esempio, “Insider Intelligence” riporta che l’adulto medio statunitense trascorrerà “l’incredibile cifra di 4 ore e 35 minuti al giorno consumando contenuti multimediali su dispositivi mobili” entro il 2023.

Il digitale ha rivoluzionato i contenuti. In primo luogo, ha potenziato il pubblico. I consumatori possono controllare come fanno acquisti e cercano informazioni e intrattenimento come mai prima d’ora, alle loro condizioni. E le piattaforme digitali consentono alle organizzazioni di raggiungere il proprio pubblico senza confini geografici e linguistici, ampliando la propria portata, influenza e potenziale di crescita.

Ma le opportunità di trasformazione digitale creano anche sfide. Con più opzioni e più potenza che mai, le tre R dell’automazione dei contenuti sono fondamentali per la creazione e il consumo dei contenuti e per tutte le fasi intermedie del ciclo di vita dei contenuti.

Stiamo parlando del contenuto giusto nel posto giusto al momento giusto.

Il contenuto giusto è conforme alle normative del settore, coinvolge accuratamente il tuo pubblico e aiuta a raggiungere un risultato positivo. Questo potrebbe significare negare correttamente un prodotto o trasformare un potenziale cliente in un cliente pagante. Pertanto, i contenuti che produci devono essere personalizzati, rispettare requisiti aziendali e di conformità unici che variano in base al settore e all’area geografica e fornire le informazioni che il tuo pubblico desidera e nel formato in cui vogliono vederle. Grandi quantità di contenuti in vari formati esistenti all’interno della tua organizzazione, dai white paper e dagli e-book alle schede tecniche e ai banner pubblicitari. La chiave è sapere quale contenuto è più prezioso e consumabile per il tuo pubblico di destinazione.

Il posto giusto è conoscere il canale di coinvolgimento preferito dal tuo pubblico per ottimizzare la ricezione e il consumo dei tuoi contenuti, in modo da poterli distribuire tramite il dispositivo giusto e nel formato giusto per generare il più veloce e risposta più coinvolgente. Questa non è un’impresa da poco con le mutevoli abitudini di consumo dei contenuti e la miriade di scelte di piattaforma: stampa, web, mobile, radio e TV. Il posto giusto è avere la capacità di sviluppare un contenuto che può essere personalizzato e pubblicato attraverso tutti i canali cartacei e digitali. In breve, viene consegnato ai dispositivi giusti. Ciò accelera il time-to-value con i processi di creazione dei contenuti e semplifica il riutilizzo della stessa parte di contenuto per canali diversi.

Il momento giusto è sapere quando è più probabile che il tuo pubblico interagisca e consumi i contenuti e avere l’agilità per accelerare la velocità con cui i contenuti vengono creati in risposta ai cambiamenti del mercato o delle normative. Le aspettative del pubblico per informazioni tempestive e accurate sono ai massimi storici, quindi i tuoi contenuti devono essere immediatamente accessibili quando è probabile che il tuo pubblico li consumi. Le organizzazioni di successo forniscono anche contenuti approfonditi in risposta a un movimento tempestivo del settore, come una grave violazione della sicurezza, per aiutare a informare o istruire clienti e potenziali clienti.

Misurare le tre R

Le organizzazioni possono valutare a che punto si trovano nel loro percorso per rispettare con successo le tre R aggiungendo informazioni. L’intelligence e l’analisi dei contenuti sono la chiave per supportare la capacità di un’organizzazione di tenere il passo con la velocità di creazione e consumo dei contenuti su tutti i canali cartacei e digitali.

Da una prospettiva interna, l’intelligence sui contenuti che utilizza la codifica dei metadati XML sui componenti dei contenuti semplifica l’aggregazione, la cura, la raccomandazione e la condivisione di risorse di contenuti aziendali e sfrutta i dati per personalizzare tali risorse e soddisfare i requisiti di conformità per segmenti di pubblico specifici in settori e verticali specifici.

Da una prospettiva esterna, l’intelligence sui contenuti elimina le congetture dal valore dei tuoi contenuti infondendo informazioni basate sui dati in modo da avere la certezza che i contenuti forniti raggiungeranno e risuoneranno con il tuo pubblico. Inoltre, le organizzazioni ottengono informazioni dettagliate su metriche di consumo specifiche su come il pubblico interagisce con i contenuti fino al livello dei componenti, in modo da poter vedere quali sezioni del contenuto sono di notevole interesse e dovrebbero essere riutilizzate o riproposte altrove, capendo quando il contenuto ha raggiunto il fine del suo ciclo di vita e dovrebbe essere ritirato.

Attuazione delle tre R

La tua organizzazione rispetta le tre R? Aziende come Apple nel mondo B2C hanno fissato una barra dei contenuti elevata, che la maggior parte delle aziende B2B ha difficoltà a soddisfare. Come accennato in precedenza, i processi e i sistemi legacy basati sulla stampa non possono supportare le tre R. Secondo il sondaggio sullo stato del contenuto B2B di Forrester del 2022, “Solo il 24% delle aziende è attualmente digitalmente avanzato e solo il 10% delle organizzazioni B2B cita la maturità avanzata del motore di contenuti”.

Ma una moderna piattaforma di automazione dei contenuti può soddisfare le tre R e oltre. Ad esempio, offre la possibilità di:

  • Crea componenti di contenuti strutturati modulari, basati sui metadati e controllati dalla conformità
  • Stabilisci flussi di lavoro basati sui ruoli per revisioni e approvazioni
  • Progetta modelli di contenuti visivamente accattivanti e con brand appropriato
  • Gestisci e assembla componenti e modelli da un repository di cui ci si può fidare come fonte di verità con le versioni più accurate, aggiornate e pertinenti
  • Pubblica contenuti omnicanale nei momenti ottimali
  • Analizza le prestazioni e i costi per perfezionare la strategia e l’esecuzione dei contenuti

Con queste funzionalità, la tua organizzazione può effettivamente misurare e aumentare il ROI dei contenuti: questa è la quarta R dell’automazione dei contenuti. E Quark può aiutarti a ottimizzarli tutti.

Quark Publishing Platform (QPP) NextGen automatizza ogni fase del ciclo di vita dei contenuti: creazione, collaborazione, assemblaggio, pubblicazione e analisi omnicanale. Con QPP NextGen, avrai un approccio end-to-end a ciclo chiuso per rendere operativa la tua strategia di contenuto.

Guarda tu stesso. Richiedi una demo di QPP NextGen.

Copied to clipboard

Recent Blogs

Utilizzi il riconoscimento AI nelle biblioteche di immagini locali per cercare facilmente le immagini.

  • |

Creatività senza confini: L’evoluzione di Jim Yarwood da compositore per la stampa a libero professionista del design

  • |

Conformità dei contenuti – Come affrontare la sfida aziendale

  • |