Avatar for Holly Muscolino

by Holly Muscolino  |  Giugno 23, 2022

Le soluzioni di contenuti componenti a basso codice/senza codice aumentano l’agilità aziendale

Low-Code/No-Code Componentized Content Solutions Increase Enterprise Agility

La creazione e la pubblicazione di contenuti business-critical è complicata, ingombrante e costosa. Ciò è particolarmente vero quando si tratta di documenti grandi e complessi soggetti a regolamentazione aziendale o governativa, come rapporti finanziari, etichettatura farmaceutica, documentazione legale e tecnica e legislazione governativa. Questi documenti devono essere consegnati in modo sicuro, spesso tramite più canali, sia fisici che virtuali, inclusi documenti digitali e pagine Web oltre alla stampa. Dal lato ricevente, le aspettative di informazioni tempestive (o addirittura immediate) e accurate sono aumentate in modo significativo. Man mano che il ritmo del business continua ad accelerare, aumenta anche il requisito per i contenuti omnicanale controllati dalla conformità, quindi le organizzazioni devono essere agili per conformarsi, soddisfare la domanda dei consumatori e rimanere competitive.

Il contenuto a componenti (o “contenuto intelligente”) fornisce alle organizzazioni questa agilità. Il contenuto a componenti è progettato per essere modulare, strutturato, riutilizzabile, indipendente dal formato e, cosa più importante, adattabile. Poiché i componenti dei contenuti sono riutilizzabili in più formati e canali, le organizzazioni possono accelerare il time-to-market. I tempi di creazione, modifica e revisione sono ridotti, rendendo i processi più efficienti dal punto di vista operativo e convenienti. Forse la cosa più importante è che gli errori, le omissioni e le incoerenze sono tutti ridotti e i contenuti regolamentati possono essere controllati e aggiornati più facilmente. Ciò riduce al minimo i rischi legali, normativi, di sicurezza e di reputazione per le organizzazioni.

Tradizionalmente, i contenuti a componenti richiedevano strumenti di creazione e sistemi di gestione dei contenuti specializzati, oltre a competenze nella codifica dei contenuti utilizzando standard come XML e DITA. Questi strumenti sono stati utilizzati da scrittori tecnici dedicati, isolando così la creazione di contenuti dagli esperti in materia (PMI), introducendo errori e creando nuovi tipi di blocchi stradali e inefficienze, che annullano tutti i principali vantaggi dei contenuti a componenti.

Nella moderna impresa digitale di oggi, gli strumenti low-code/no-code vengono messi nelle mani di quelle PMI e di altri utenti aziendali, mitigando le suddette inefficienze. In una recente ricerca globale di IDC, il 26% degli intervistati ci ha detto che le persone non tecniche all’interno dell’azienda sono utenti di strumenti low-code e il 41% ci ha detto che le persone non tecniche all’interno dell’azienda sono utenti di strumenti senza codice (vedi Figura 1).

Figura 1: Utenti non tecnici di strumenti Low-Code/No-Code

Content Solutions Fonte: IDC, Future Enterprise Resiliency & Sondaggio sulla spesa, quinta edizione, giugno 2021, N=796

In un altro sondaggio, abbiamo chiesto ai responsabili delle decisioni se la loro forza lavoro line-of-business (LOB) sarà direttamente coinvolta nell’automazione degli aspetti del proprio lavoro nel 2022. Quasi la metà (45%) di questi responsabili delle decisioni ci ha detto che il La forza lavoro LOB sta già automatizzando il proprio lavoro e un altro 42% ha indicato che lo farà. Abbiamo chiesto a queste persone quali sono i requisiti chiave affinché i dipendenti possano automatizzare con successo il proprio lavoro e il 25% ha classificato “strumenti facili da usare” come prerequisito principale (fonte: Future of Work Global Survey, IDC, aprile 2022, N=1126).

L’editoria sta seguendo l’esempio. Oggi sono disponibili strumenti low-code e no-code per mettere la creazione, l’assemblaggio e la gestione di contenuti modulari e componenti per la pubblicazione omnicanale conforme nelle mani di utenti aziendali e PMI. In molti casi, questi strumenti di automazione dei contenuti offrono un’interfaccia utente familiare, come quella che si trova in Microsoft Word. Non è richiesta alcuna competenza DITA o XML: il tagging XML viene generato automaticamente in background. I metadati vengono generati automaticamente, quindi le PMI possono concentrarsi sulla condivisione delle proprie conoscenze, senza riprogettare un documento di 1.000 pagine in componenti del documento o versioni multiple. Oltre alle funzionalità di creazione, le soluzioni moderne forniscono un repository di contenuti centralizzato basato su cloud per gestire il riutilizzo dei componenti e il controllo della versione, collegandolo al più ampio ecosistema di contenuti.

Un tema comune che IDC ascolta dai leader aziendali e IT è la convinzione che ora viviamo e competiamo in un mondo incentrato sul digitale. Clienti, partner e dipendenti chiedono: “Esiste qualche capacità/miglioramento basato sul digitale che potrebbe migliorare le nostre vite e ottenere i risultati desiderati?” Mentre entriamo nell’era del business digital-first, l’agilità è fondamentale. È giunto il momento di mettere contenuti intelligenti e agili nelle mani dei tuoi utenti aziendali e delle PMI, in modo che possano fornire informazioni più aggiornate, conformi e accurate più rapidamente e offrire una differenziazione competitiva alla tua azienda.

< p> Le organizzazioni pronte a passare al “contenuto intelligente” dovrebbero prendere in considerazione Quark Publishing Platform e i suoi strumenti di authoring a componenti a basso contenuto/senza codice, nonché i flussi di lavoro di collaborazione, la gestione dei componenti, l’assemblaggio, la pubblicazione omnicanale e l’analisi dei contenuti. È tempo di prosperare nel mondo digital-first.

Copied to clipboard

Recent Blogs

Affrontare la complessità dei contenuti aziendali – l’aggiunta dell’automazione la rende facilmente raggiungibile

  • |

Celebrare la creatività: L’entusiasmo di Naman Kumar per il design con QuarkXPress

  • |

Creatività senza confini: La passione di Ove Detlevsen per la stampa

  • |