Avatar for Martin Turner

by Martin Turner  |  Dicembre 21, 2022

Come ottengo il massimo dalle nuove funzionalità di QuarkXPress 2023

Content

In qualità di utente di lunga data di QuarkXPress, continuo a essere impressionato dalle nuove funzionalità e capacità introdotte sul mercato per supportare il viaggio del designer digitale. La nuova versione QuarkXPress 2023 non fa eccezione e include qualcosa di nuovo per tutti, anche se non tutto sarà rilevante per tutti.

Il primo, più ovvio cambiamento, che avvantaggia gli utenti Mac, è che ora è compatibile con MacOS Ventura. Ciò non influisce sugli utenti Windows o sugli utenti di sistemi Mac OS meno recenti, sebbene possano anche eseguire il nuovo software. Ho testato QuarkXPress 2023 nell’uso quotidiano su Mojave, ma ho anche incontrato qualcuno che lo utilizza su High Sierra.

Il supporto di apparecchiature meno recenti e, ancor di più, di documenti meno recenti è un vantaggio chiave di QuarkXPress. Fuori dagli schemi, QXP rilegge i documenti alla versione 7, uscita nel 2006. Per i documenti più vecchi, c’è un’utilità di conversione gratuita nel menu Aiuto: Aiuto > Legacy Document Converter. Questo apre i file che risalgono alla versione 3 dalla metà degli anni ’90.

Quark continua inoltre a supportare tutti i colori Pantone, il che significa che i tuoi vecchi documenti non si apriranno con brutte scatole nere al posto dei colori. Se stai utilizzando un altro software e ti trovi improvvisamente di fronte a questo problema, QuarkXPress può aprire nativamente i tuoi file PDF, i tuoi file IDML e, se InDesign è ancora installato, i tuoi file INDD e mostrerà i colori correttamente.

Qualcosa di entusiasmante deve ancora arrivare, in arrivo nel primo trimestre del 2023, è la codifica nativa di Silicon per Mac M1 e M2. QuarkXPress 2023 è già completamente compatibile con i computer Silicon di Apple tramite Rosetta 2 di Apple. Funziona in modo trasparente e non ne saprai nulla durante l’uso. Tuttavia, nell’aggiornamento Q1, sarà “nativo”. Ma non aspettarti una differenza drammatica: la maggior parte delle app native di Silicon si comportano esattamente come le loro versioni Rosetta.

Ma diamo un’occhiata alle nuove funzionalità disponibili ora.

Documenti lunghi fino a 10.000 pagine

In precedenza potevi lavorare con documenti fino a 2000 pagine. È lungo per un libro, ma se stai stampando i biglietti della lotteria o un grande catalogo, potresti dover lavorare con due file.

Il nuovo limite è di 10.000 pagine. Puoi ancora combinarli in “libri” se necessario, ottenendo oltre 100.000 pagine, ma l’eliminazione del limite di 2.000 pagine dovrebbe essere sufficiente per quasi tutti.

Controllo ortografico Hunspell

Ora puoi, in (Preferenze > Applicazione > Controllo ortografico) scegliere tra i dizionari Dieckmann che Quark ha già, o Hunspell. Dieckmann è generalmente migliore per le lingue europee, Hunspell per le lingue indiane. Quando esegui il correttore ortografico, ti dirà in fondo quale dei due stai usando.

Se rimani con Dieckmann, una caratteristica che potresti aver perso è che puoi cambiare il modo in cui funziona la sillabazione nel pannello H&Js (Modifica> H&Js> Modifica> Rigore). Ciò ti consente di utilizzare la sillabazione standard del computer o di scegliere “estetico” che leggerà meglio e sillaberà di meno, o anche “nominale” o “solo composti”.

Converti libro in ePub o progetto

Se vuoi superare il limite di 10.000 parole o stai combinando progetti da diverse fonti utilizzando la funzione Libro (Finestra > Libri), ora puoi esportare direttamente in ePub, oltre che in PDF. Usa l’icona nella palette Libri o usa il menu dei tre puntini.

Se il motivo per cui utilizzavi Books era mettere insieme diversi progetti, magari di diversi designer, ora puoi anche convertirli tutti in un unico progetto.

Variabile contenuto immagine

In (Finestra > Variabili di contenuto), ora hai una nuova variabile di contenuto. Ciò consente di cercare un’immagine e assegnarle un nome come variabile di contenuto. Può quindi essere inserito in qualsiasi finestra immagine semplicemente facendo clic sulla variabile contenuto nell’elenco.

Perché vorresti? Due motivi. Innanzitutto, ovviamente, puoi scambiare comodamente le immagini. Oltre a provare come appariranno le cose, semplifica il lavoro su molti documenti simili in cui le uniche modifiche sono del testo e un’immagine.

Ma, cosa altrettanto importante, spesso dobbiamo lavorare con un’immagine che potrebbe essere un’immagine di supporto o potrebbe dover essere cambiata all’ultimo minuto. “Last minute” è una delle cose che i designer odiano ma che i clienti sembrano amare. Se sei a conoscenza di una tale modifica in sospeso e stai utilizzando ripetutamente un’immagine, l’utilizzo di una variabile di contenuto ti consente di modificarla una volta e la modifica si riflette ovunque.

Lo stesso vale per i loghi e la grafica vettoriale a livello di marchio. Se sei coinvolto nello sviluppo del marchio, spesso devi mostrare lo stesso logo utilizzato in una varietà di documenti di esempio per aiutare il cliente a decidere cosa fare. Poi, quando hanno deciso, devi cambiare tutto di nuovo.

Visualizzazione On-Canvas dello stato dell’immagine

Nella parte superiore delle immagini vedrai una nuova icona. Ti dice se un’immagine è collegata, mancante o modificata. Se non vuoi vederlo, vai su (Visualizza> Indicatori visivi) e deselezionalo. Ma normalmente lo vorrai.

QuarkXPress ti avvisa al momento dell’esportazione o della stampa se manca un’immagine o un vettore. A volte, sebbene le immagini possano essere lasciate su una scheda SD, un’unità rimovibile o Dropbox, possono funzionare su un computer ma non su un altro, o quando l’unità è collegata ma non altrimenti. Se quella scheda SD è tornata nella fotocamera di qualcuno o la pen drive è ora in tasca, devi affrontare un problema. Il nuovo display su schermo ti consente di conoscere sempre lo stato delle tue immagini. Facendo clic su di esso potrai individuarli o aggiornarli.

Se sai di avere molte immagini mancanti e sai dove trovarle, puoi comunque andare a (Utilità > Utilizzo). Da lì, se individui un’immagine mancante e le altre si trovano nella stessa cartella, QuarkXPress ti chiederà se desideri aggiornarle tutte. Fare clic su “sì” farà risparmiare un sacco di tempo e problemi.

È fantastico vedere Quark fornire costantemente nuove funzionalità e capacità che alimentano il processo creativo di progettazione, supportando progetti grandi e piccoli. Guardare QuarkXPress 2023 qui.

Copied to clipboard

Recent Blogs

Affrontare la complessità dei contenuti aziendali – l’aggiunta dell’automazione la rende facilmente raggiungibile

  • |

Celebrare la creatività: L’entusiasmo di Naman Kumar per il design con QuarkXPress

  • |

Creatività senza confini: La passione di Ove Detlevsen per la stampa

  • |