Avatar for lohit arora

by lohit arora  |  Maggio 18, 2023

Creatività senza limiti: Jason Conway esprime il suo desiderio di sperimentazione, creando progetti “nel momento”.

Smart Content

Vi presentiamo Jason Conway, il vincitore del #QXPContest e un appassionato di grafica con una vasta esperienza nell’editoria di riviste. Con oltre due decenni di creatività alle spalle, Jason ha assistito in prima persona all’evoluzione degli strumenti e dei software di progettazione.

In questo articolo di domande e risposte, il primo di una nuova serie che vede protagonista la nostra meravigliosa comunità di utenti di QuarkXPress, approfondiamo l’affascinante background di Jason, che ha alle spalle una carriera di successo nel content design. Inoltre, comprendiamo più a fondo le sfide che i graphic designer devono affrontare e come QuarkXPress può superarli. Continuate a leggere per imparare dal patrimonio di conoscenze e competenze di Jason nel campo della progettazione grafica.

c can surpass them. Read on to learn from Jason’s wealth of knowledge and expertise in graphic design.?

“Il mio primo lavoro nel campo del design è stato nel 1997 come grafico per un produttore internazionale di forni. Ci sono voluti 3 anni dopo la laurea per ottenere un ruolo nel campo del design. Ho risposto a un annuncio su un giornale e, durante il colloquio, mi sono reso conto che l’intervistatore non sapeva che cosa fosse il design. grafica, ma ho ottenuto il lavoro e mi è piaciuto molto. Si trattava di creare viste esplose di forni e fornaci, utilizzando tavole da disegno tradizionali, quindi il mio ruolo effettivo era quello di disegnatore.

Quando ho saputo che un Mac e una stampante Apple erano in magazzino perché difettosi, ho smontato il Mac, l’ho pulito e l’ho fatto funzionare. Questa occasione casuale è stata il giorno in cui sono diventato il grafico dell’azienda.

Smart Content

Ho iniziato disegnando pubblicità per le riviste specializzate e presto sono diventata assistente di marketing. Mi è stata affidata la gestione dell’archivio fotografico e mi sono recata in loco per fotografare le installazioni dei forni. Ho anche ridisegnato l’area della reception.

Questo non è stato il percorso tradizionale per entrare nel mondo del lavoro del design, ma è un indicatore del fatto che cogliere le opportunità quando si presentano può essere estremamente vantaggioso. Inoltre, il pensiero creativo e l’autodirezione sono caratteristiche preziose.

Nel corso della mia carriera da freelance, ho progettato pubblicità per riviste, riviste e una serie di materiali stampati per i clienti. Nel 2020, durante la serrata nel Regno Unito, ho colto l’occasione per fondare la mia rivista d’arte come modo per portare ispirazione creativa alle persone.

In quanto sostenitore delle arti e poeta pubblicato, ho voluto curare una rivista con un impatto sociale e ambientale che sostenesse i talenti creativi e incoraggiasse le persone a fare la differenza. L’edizione 10 è pubblicata in formato digitale e sono costantemente ispirato dal talento degli altri”.

Qual è l’aspetto del design grafico che le piace di più?

Direi che è la sperimentazione quella che apprezzo di più, perché il processo creativo è più fluido quando creo “sul momento” e vedo cosa succede. I progetti che comportano una certa flessibilità creativa, come il design di un logo, le copertine di un libro o le illustrazioni, mi permettono di esplorare man mano. Naturalmente, gli aspetti non creativi dell’essere freelance sono altrettanto validi, ma adoro giocare con le idee”.

Direi che è la sperimentazione che mi piace di più, perché il processo creativo è più fluido quando creo “sul momento” e vedo cosa succede.

Quali sono le sfide che ha incontrato nella progettazione grafica e in che modo QuarkXPress l’ha aiutata a superarle?

“Una delle sfide principali per me è rappresentata dai cambiamenti tecnologici e dal set di competenze sempre più ampio che i graphic designer devono considerare. La progettazione grafica è ora suddivisa in una serie di competenze, ma in sostanza, e per me, il processo di progettazione grafica rimane lo stesso.

Smart Content

Il vantaggio di essere un fedele utente di QuarkXPress è che, nonostante l’introduzione di una serie di nuove funzionalità, l’esperienza rimane la stessa. Inoltre, quando lavoro a un progetto, preferisco attenermi a una o due applicazioni e, quando disegno le edizioni della rivista, tendo a rimanere con QuarkXPress, piuttosto che passare a Illustrator per gli elementi vettoriali. Mi piace spingermi oltre le possibilità offerte dall’applicazione dal punto di vista creativo”.

Può dirci perché ama così tanto usare QuarkXPress e come si differenzia dalle altre applicazioni?

“Come nella domanda precedente, essere un utente fedele significa aver investito tempo nell’applicazione e aver imparato a trarne il meglio. QuarkXPress è diventato un buon amico, per così dire, in quanto mi sento a mio agio quando lo uso, quasi una seconda natura, quindi la parte creativa viene naturale.

In passato ho usato InDesign quando lavoravo per le agenzie, ma poiché è molto diverso da QuarkXPress, non desidero investire molto tempo in questa applicazione. L’opposto vale per Photoshop, che rimane la mia applicazione preferita per l’editing delle immagini. Considero QuarkXPress un amico affidabile con un tocco di classe, che è diventato parte integrante della mia creatività e della mia carriera”.

Considero QuarkXPress come un amico affidabile e con un certo talento, che è diventato parte integrante della mia creatività e della mia carriera.

Può parlarci di un progetto di design a cui ha lavorato negli ultimi 1-2 anni di cui è particolarmente orgoglioso?

Smart Content

“Certo, Steel Jackdaw magazine è una mia passione, quindi condivido alcune immagini di un’edizione. L’impaginazione è volutamente pulita e ordinata per garantire chiarezza e leggibilità. L’immagine di copertina condivisa è una visualizzazione 3D di un’immagine di copertina che ho creato per un’edizione precedente.

Inoltre, devo includere la mia illustrazione vincente per il #QXPContest. Mi è piaciuto molto sperimentare con il brief e interpretare il mio amore per QuarkXPress e mostrare le possibilità dell’applicazione”.

Sarei perso anche senza gli strumenti di impaginazione editoriale che uso per creare ogni edizione della rivista.

In qualità di vincitore del concorso QXP, ci piacerebbe sapere qual è stata l’ispirazione che ha ispirato la sua partecipazione al concorso.

“Volevo creare qualcosa di diverso e di forte impatto visivo, per illustrare ciò che si può ottenere con l’applicazione. Volevo anche tornare all’essenza dell’applicazione in quanto Strumento di Desktop Publishing. Quindi, gli elementi del disegno alludono al testo, ai segni di taglio, alle caselle, alla prestampa, al CMYK e alla “X” nel nome dell’applicazione.

Mi è piaciuto molto giocare con i filtri per spingere ulteriormente il concetto. Volevo anche che ci fossero variazioni di colore e che non ci si attenesse a una tavolozza limitata. Gli elementi sovrapposti con i filtri applicati conferiscono all’illustrazione un carattere forte e vivace. Inoltre, mostra il mio rapporto con l’applicazione come uno strumento che per me è molto più di un desktop publishing”.

Smart Content

C’è qualche funzione o funzionalità di QuarkXPress di cui non potete fare a meno? E perché?

“Bella domanda, e attualmente sono i filtri che mi entusiasmano. Solo questi mi fanno venire voglia di affrontare i progetti in modo diverso e di sperimentare con la mia testa di artista visivo e illustratore. Sarei perso anche senza gli strumenti di impaginazione editoriale che uso per creare ogni edizione della rivista. Come ho già detto in precedenza, QuarkXPress è più di un desktop publishing per me, quindi nel senso più elementare del termine, sarei perso senza QuarkXPress”.

Infine, quali consigli darebbe a chi è agli inizi della sua carriera nel campo del design e dell’editoria digitale?

“Sperimentare è fondamentale, credo. Imparare a sfruttare al meglio un’applicazione, ma anche a superarne i limiti, non può che incrementare i contenuti e i risultati creativi. È altrettanto importante ricordare che le applicazioni sono strumenti e che la creatività è dentro di noi e deve essere coltivata e perfezionata.

Per questo motivo, vedere l’ispirazione da altre fonti è essenziale. Ad esempio, sono un grande sostenitore del potere della natura di fornire ispirazione e chiarezza infinite. Come designer, dobbiamo monitorare la cultura e le tendenze e adattarci ad esse, se necessario. Per me il design può essere influenzato dalla moda, dal cinema, dalla musica e dalle arti, che hanno tutti una storia culturale ricca e diversificata.

Come creativo multidisciplinare, consiglio di coltivare un hobby artistico. Poiché oggi il design grafico è un processo digitale, ritengo che l’espressione creativa debba essere esplorata in un’applicazione fisica. Questo flusso creativo “pratico”, a mio avviso, alimenta perfettamente l’anima creativa ed è un altro modo per interpretare il mondo che ci circonda.

Ho imparato il graphic design quando si creavano e scansionavano elementi disegnati a mano, si usavano light box per tracciare e si tagliava e incollava il contenuto per creare mockup fisici. Quindi, consiglio di mantenere viva la tradizione artistica che si ricollega all’origine artistica del graphic design.

Per ottenere il massimo da ciò che facciamo, dobbiamo prima imparare le regole, per poterle infrangere in modo efficace.

Vorrei anche dire ai creativi alle prime armi di avere fiducia nelle loro capacità e nel processo creativo. Piuttosto che essere rigidi, cercate di guardare il progetto da una serie di angolazioni, non solo le più ovvie o tradizionali. Per me la sperimentazione è una parte fondamentale dell’essere designer, quindi infrangere le regole e sfidare la narrativa può essere incredibilmente gratificante.

Tuttavia, per ottenere il massimo da ciò che facciamo, dobbiamo prima imparare le regole per poterle infrangere in modo efficace. E infine, abbracciare la logica e l’arte, ascoltando sia la testa che il cuore quando si progetta ed essere disposti a lasciarsi guidare dal processo”.

Grazie per aver letto! Potete trovare e connettervi con Jason su LinkedIn qui. Ci piacerebbe sentire il vostro parere, quindi fateci sapere cosa vi è piaciuto o cosa vorreste leggere di più in questa serie? E se desiderate essere inseriti in un prossimo post, contattateci! Contattateci a qxpsales@quark.com

Copied to clipboard

Recent Blogs

Utilizzi il riconoscimento AI nelle biblioteche di immagini locali per cercare facilmente le immagini.

  • |

Creatività senza confini: L’evoluzione di Jim Yarwood da compositore per la stampa a libero professionista del design

  • |

Conformità dei contenuti – Come affrontare la sfida aziendale

  • |