Avatar for martin owen

by martin owen  |  Ottobre 28, 2021

40 anni di Quark: dove andremo dopo

40 Years of Quark: Where We’re Going Next

Mentre celebriamo il nostro 40° anniversario di attività, voglio ringraziarvi per aver condiviso con noi questo traguardo. Con un nuovo team di leadership, una linea di prodotti semplificata e un migliore allineamento tra i nostri team di prodotto e di supporto, Quark sta vivendo un anno fondamentale nella nostra storia. Sono grato ai nostri dipendenti e clienti globali che ci hanno aiutato a superare questo periodo critico di trasformazione.

All’inizio di questo mese, parti uno e due di questa serie di blog hanno esaminato la storia e l’evoluzione di Quark, il settore della progettazione grafica e dell’editoria digitale/desktop che abbiamo contribuito a plasmare, e la nostra espansione nella gestione del ciclo di vita dei contenuti aziendali. Anche se è importante riconoscere da dove veniamo, oggi voglio spostare l’attenzione sul nostro futuro.

Una delle prime parole che mi viene in mente quando penso al futuro di Quark è ecosistema. Ma non intendo solo il nostro ecosistema di soluzioni per content design, content automation e content intelligence. Naturalmente, amiamo aiutare i nostri clienti a progettare contenuti brillanti, automatizzare i flussi di lavoro che li circondano e fornire approfondimenti che faranno vibrare le tue strategie di contenuto.

Ma riconosciamo anche che le aziende moderne fanno affidamento su un complesso ecosistema di piattaforme, strumenti, sistemi e processi. Per creare, gestire, collaborare, pubblicare, fornire e analizzare una risorsa di contenuto (e quindi ripeterla dappertutto, come suggerisce il “ciclo” nella gestione del ciclo di vita dei contenuti), sono necessarie soluzioni che si integrino perfettamente con la configurazione esistente. Ecco perché le nostre attuali soluzioni possono aggregare risorse e dati praticamente da qualsiasi fonte. È anche il motivo per cui ci concentriamo attivamente per garantire che gli aggiornamenti futuri si integrino con le tecnologie, le API e le origini dati di domani.

Dopotutto, il mondo dei contenuti aziendali sta cambiando rapidamente. Il pubblico moderno si aspetta un flusso costante di brillanti contenuti on demand nei canali di sua scelta.

Tuttavia, molte aziende faticano ancora a tenere il passo a causa di risorse disorganizzate, flussi di lavoro che richiedono molto tempo e manodopera e mancanza di informazioni chiare basate sui dati per supportare iniziative di contenuti significative. Questa tendenza è stata ulteriormente accelerata da una pandemia globale che ha portato a un massiccio aumento del lavoro e delle comunicazioni a distanza. Le statistiche alla base di questo cambiamento sono innegabili: Uno studio dell’anno scorso ha rilevato che, in media, i consumatori hanno raddoppiato il consumo di contenuti durante il 2020, fino a un totale di sei ore e 59 minuti.

In primo luogo, diamo un’occhiata più da vicino alle tendenze, alle tecnologie e ai punti di attrito che domineranno la conversazione sui contenuti aziendali in questo decennio. Poi ti mostrerò come Quark sta affrontando la sfida.

Il futuro dei contenuti

Non è un segreto che i contenuti siano un grande affare. Statista apprezza il mercato delle tradizionali soluzioni di gestione dei contenuti aziendali (ECM). a più di 17 miliardi di dollari. E secondo uno studio del Content Marketing Institute, L’81% delle organizzazioni considera i contenuti come una strategia di core business, rispetto al 72% nel 2020.

Tuttavia, la consapevolezza oggi non equivale alla preparazione per domani. Per avere un’idea migliore di cosa c’è dietro l’angolo, vale la pena esaminare un rapporto di dicembre 2020 di Forrester chiamato “Il futuro dei documenti”, che descrive in dettaglio alcune tendenze chiave che secondo loro detteranno l’evoluzione dei contenuti aziendali nel 2027. Alcuni aspetti degni di nota includono:

  • I documenti sono pronti per la propria forma di interruzione digitale e le aziende devono superare l’attuale modello mentale basato su carta.
  • La maggior parte delle soluzioni ECM non è attualmente progettata per supportare questa interruzione. Un fattore primario è che i sistemi di archiviazione di file e cartelle antiquati sono impantanati dall’attrito tra i documenti cloud-native emergenti e i tradizionali documenti statici.
  • Gli strumenti di contenuti agili che automatizzano i flussi di lavoro e utilizzano metadati strutturati per organizzare le risorse e supportare le funzionalità di ricerca simili a Google diventeranno (ancora più) essenziali.

Con l’evolversi di questa interruzione, Forrester prevede che seguiranno naturalmente altri cambiamenti, molti dei quali sono già in corso. AI/ML continueranno a svolgere un ruolo di primo piano poiché i robot condividono i crediti di scrittura con gli esseri umani più frequentemente. Anche i formati di contenuto tradizionali devono essere suddivisi in componenti e contestualizzati da dati strutturati, in modo che possano essere compresi da macchine che assisteranno con il tagging dei metadati, la funzionalità di ricerca e la creazione e cura dei contenuti.

Sfortunatamente, molte aziende sottovalutano ancora la pianificazione e la strutturazione precise necessarie per sbloccare completamente le capacità di AI/ML nelle loro operazioni relative ai contenuti. Lo considero una svista critica. Questo perché i cambiamenti abilitati da AI/ML e tattiche di metadati più sofisticate accelereranno anche l’espansione dei flussi di lavoro automatizzati che aumentano l’efficienza e riducono il carico di lavoro manuale. E non è solo una questione di produttività: poiché i contenuti sono suddivisi in componenti per un maggiore consumo omnicanale, la governance dell’intero ciclo di vita dei documenti nei settori altamente regolamentati diventerà sempre più complicata.

Se sembra molto da intraprendere, beh, è perché lo è. Ma la mia intenzione qui è educare, non presentarti una lunga lista di sfide per tenerti sveglio la notte. Quindi cosa può fare la tua azienda per operazioni sui contenuti a prova di futuro, senza rovinare la banca o la schiena?

Il futuro di Quark

Ora che sai quali sono le sfide dietro l’angolo, diamo un’occhiata ad alcune delle iniziative in corso di Quark. Lavoriamo costantemente per assicurarci di fornire le soluzioni di gestione del ciclo di vita dei contenuti aziendali più innovative sul mercato. Tale processo si basa in gran parte sul feedback degli utenti (il nostro team di prodotto sta ascoltando), roadmap chiare che incorporano l’innovazione per ogni famiglia di prodotti – QuarkXPress, Quark Publishing Platform e Quark Docurated – e una strategia globale che li allinea in un’unica soluzione coerente per soddisfare le esigenze dei singoli utenti quando richiesto. Ecco cosa significa per:

Content Design: QuarkXPress ha contribuito a stabilire il mercato del desktop publishing e continua a essere un potente strumento di progettazione dei contenuti. Dopotutto, il ciclo di vita di ogni risorsa inizia con la brillante creazione di contenuti. QuarkXPress supporta questo processo con layout di pagina dinamico e funzionalità di pubblicazione digitale supportate da strumenti integrati per perfezionare la grafica e modificare le foto.

Gli utenti possono aspettarsi aggiornamenti futuri che espandano le integrazioni con i nostri strumenti di intelligence e automazione dei contenuti, migliorando i flussi di lavoro e mettendo a tua disposizione informazioni critiche sin dal primo passaggio. Ci concentriamo anche sull’assicurare che gli aggiornamenti continuino a funzionare senza problemi con tutti i tuoi sistemi e applicazioni critici, aumentando al contempo l’accesso alle tue immagini, font e altri strumenti creativi preferiti. Altri aggiornamenti includono nuove opzioni per la licenza e l’abbonamento, un’ulteriore integrazione delle nostre funzionalità AI/ML e molto altro.

Content automation: Quark Publishing Platform automatizza ogni fase di creazione e pubblicazione di vari tipi di contenuto. Inoltre, risponde direttamente all’esigenza identificata da Forrester di contenuti componentistici e ricchi di metadati che possono essere assemblati in modo rapido e collaborativo (incluse le raccomandazioni AI/ML per i componenti) per l’utilizzo su più canali.

Man mano che andiamo avanti, gli utenti possono aspettarsi un’espansione di queste funzionalità AI/ML per aiutare la creazione di contenuti con consigli più intelligenti, rendendo anche il processo editoriale e di approvazione più agevole con la convalida dinamica della fonte e le valutazioni della cronologia delle modifiche.

Inoltre, stiamo ulteriormente migliorando la capacità di modularizzare i contenuti e fornire feedback sui componenti a cui si accede e si riutilizza di più, in modo che gli autori capiscano cosa ha il maggior valore commerciale: come stanno aggiungendo valore. Questo tipo di dati, oltre alla possibilità di utilizzare i loro strumenti preferiti, come Microsoft Word, semplificherà notevolmente la vita degli esperti in materia.

E stiamo lavorando per fornire una varietà di opzioni di implementazione flessibili e capacità self-service in espansione, inclusa la creazione di modelli, per consentire ai tuoi team di essere autosufficienti nel mondo dei contenuti in continua evoluzione.

Content Intelligence: Quark Docurated elimina le congetture dai contenuti, semplificando l’aggregazione, l’archiviazione, l’individuazione, la consegna e il monitoraggio delle risorse. Quindi ti aiuta a capire cosa funziona, così puoi continuare a ottimizzare le strategie di contenuto. Il ricco supporto di metadati significa che stiamo anche rispondendo alla richiesta di Forrester di un repository di contenuti moderno che utilizzi funzionalità di ricerca simili a Google, in modo che i tuoi dipendenti possano smettere di eseguire la scansione di infinite cartelle e file. Inoltre, Quark Docurated supporta la nostra attenzione generale su ecosistemi aziendali completamente integrati aggregando contenuti da Box, Google Drive, Salesforce, SharePoint, feed finanziari, repository interni e molte altre fonti di dati complesse

Negli aggiornamenti futuri, continueremo a estendere l’integrazione dell’intero ciclo di vita di Docurated con gli altri nostri strumenti. Le funzionalità AI/ML saranno inoltre ulteriormente migliorate per fornire un supporto ancora maggiore nella categorizzazione automatica, nel tagging e nella ricerca di contenuti a componenti. Gli utenti possono inoltre aspettarsi una varietà di nuove funzionalità pronte all’uso, tra cui rapporti migliorati per identificare i migliori risultati tra personale e risorse, nonché migliori funzionalità di e-commerce e monetizzazione.

Mentre concludiamo questa serie di blog, desidero ribadire il mio apprezzamento per tutti i nostri dipendenti e clienti globali che hanno reso possibili questi ultimi 40 anni. Il futuro pone sicuramente molte sfide, note e sconosciute, e l’unico modo per andare avanti è insieme. Quindi continua a ricevere feedback, continua a spingerci e insieme guideremo l’innovazione necessaria per prosperare in un mercato impazzito per i contenuti. Non vedo l’ora di vedere cosa riserva il prossimo capitolo per tutti noi.

Copied to clipboard

Recent Blogs

Affrontare la complessità dei contenuti aziendali – l’aggiunta dell’automazione la rende facilmente raggiungibile

  • |

Celebrare la creatività: L’entusiasmo di Naman Kumar per il design con QuarkXPress

  • |

Creatività senza confini: La passione di Ove Detlevsen per la stampa

  • |