Avatar for Quark Marketing Team

by Quark Marketing Team  |  Ottobre 14, 2021

40 anni di Quark: tracciare l’evoluzione del design grafico e desktop + editoria digitale

Celebrating 40 years of brilliant content

Prima che Quark si affermasse come leader del settore nella gestione del ciclo di vita dei contenuti per le aziende globali, era solo un’esuberante startup informatica del Colorado. È difficile credere che siano passati 40 anni dal nostro inizio, ma il tempo vola quando sei impegnato a stabilire e ridefinire continuamente un intero settore.

Per celebrare il 40° anniversario di Quark, diamo uno sguardo più da vicino al passato, al presente e al futuro del design grafico e dell’industria dell’editoria desktop/digitale. Dai primi giorni dei computer Apple III alle tecnologie cloud all’avanguardia, Quark è stato il pioniere consumato dell’editoria.

La prima parte di questa serie in tre parti si concentra sui primi 40 anni di esistenza di Quark e sulle persone, i momenti e le idee che hanno dato vita a un’industria dinamica e fiorente. Nei post successivi, esamineremo dove siamo oggi e dove siamo diretti dopo. Nel corso di tutto questo, parleremo con alcuni dei dipendenti di lunga data di Quark e degli attuali leader su ciò che abbiamo imparato lungo il percorso e su come stiamo plasmando la gestione del ciclo di vita dei contenuti e il mondo dell’editoria digitale di domani.

I primi 20 anni

Come è iniziato tutto

Come molte altre aziende tecnologiche, Quark ha avuto un inizio piccolo ma propizio. Con un interesse ossessivo per i computer, alcuni anni di esperienza lavorativa presso Hewlett-Packard e altre fiorenti società tecnologiche e un prestito di $ 2.000 dai suoi genitori, Tim Gill ha fondato Quark nel 1981 insieme al co-fondatore Mark Pope.

In un In un’intervista del 2019 con il Computer History Museum (CHM), Gill descrive come il prestito di $ 2.000 è stato utilizzato per acquistare una stampante per lettere di alta qualità per supportare i primi sforzi di guerrilla marketing: “Quark è stato avviato letteralmente perché Paul Gomez mi ha prestato un Apple III in modo da poter scrivere un elaboratore di testi … quindi il mio marketing molto sofisticato consisteva nello stampare una lettera utilizzando l’elaboratore di testi e inviarla a tutti i rivenditori dicendo: “Questo è stato fatto con questo elaboratore di testi sull’Apple III” e quello, perché non c’era altra alternativa, ha portato a un aumento abbastanza rapido delle vendite.

Gill e Pope approdarono al nome Quark a causa del loro fascino per la fisica (un quark è un tipo di particella elementare e un costituente fondamentale della materia) e perché le riviste di settore all’epoca non pubblicavano ancora annunci per aziende il cui nome iniziava con ” Q”, che ha permesso una facile differenziazione. I prodotti iniziali includevano Word Juggler, il primo elaboratore di testi disponibile sul computer Apple III, e Catalyst, un software che consentiva agli utenti di spostare un programma da un floppy disk su un disco rigido, in modo che il programma potesse essere avviato dal disco rigido.

I primi successi nell’elaborazione di testi hanno aperto la porta – e le menti creative e tecniche di Quark – alla consapevolezza che i processi di progettazione grafica e desktop publishing erano attesi da tempo per interruzioni e innovazione. I giocatori legacy con una tecnologia di composizione proprietaria costosa e lenta avevano una stretta mortale sul settore. Ma con l’arrivo nel 1986 di Fred Ebrahimi, che assunse i ruoli di presidente e amministratore delegato, e l’uscita nel 1987 di QuarkXPress, le cose stavano per cambiare radicalmente.

QuarkXPress e la nascita del desktop publishing professionale

Quando QuarkXPress arrivato nel 1987 per Macintosh, c’erano alcuni dei primi giocatori nello spazio del desktop publishing che si rivolgevano agli appassionati di informatica e agli editori dilettanti. Quei concorrenti includevano Ready-Set-Go e Aldus PageMaker (che alla fine furono acquisiti da Adobe), ma QuarkXPress rapidamente si affermò come lo strumento di desktop publishing professionale predominante.

Questo non era un giocattolo con cui giocare a casa, ma piuttosto uno strumento dinamico che forniva velocità e precisione senza precedenti a enormi punti vendita editoriali. I layout erano precisi fino al pixel, l’eccezionale corrispondenza dei colori rendeva molto più facile vedere come sarebbe apparso il prodotto finale una volta stampato e le pagine venivano stampate così velocemente che gli uffici di composizione e le tipografie spesso si assumevano il costo per trasferire i loro clienti da un concorrente A QuarkXPress (e le stampanti avrebbero più che compensato tale costo sbloccando migliori efficienze e capacità più elevate). Le versioni successive avrebbero supportato perfettamente i font PostScript di Adobe, AppleScript e Windows, il che ha ulteriormente rafforzato la posizione di mercato dominante di Quark.

Nel suo intervista con il CHM, Gill stima che negli anni ’90, QuarkXPress ha raggiunto l’apice delle vendite con una quota di mercato del 90-95% nel settore dell’editoria. Ringrazia anche la visione di Fred Ebrahimi per aver contribuito a raggiungere questo obiettivo, poiché Ebrahimi ha guidato la spinta globale di Quark nelle regioni EMEA e APAC espandendo il supporto per altre lingue.

Naturalmente, ogni grande storia ha alti e bassi, e quella di Quark non è diversa. Con alcune opportunità mancate (Gill descrive malinconicamente come Quark non sia riuscito a capitalizzare l’opportunità di acquistare Photoshop prima di Adobe) e la percezione che Quark stesse rimanendo indietro nel ciclo dell’innovazione a causa della sua quota di mercato dominante, la porta è stata lasciata aperta per concorrenti aggressivi come Adobe.

Man mano che l’industria del desktop publishing diventava più competitiva verso l’anno 2000 e la rivoluzione tecnologica causata da Internet continuava a capovolgere tutti i settori, Quark iniziò a guardare avanti verso un nuovo secolo di opportunità e sfide.

Gli ultimi 20 anni

Il percorso verso la gestione del ciclo di vita dei contenuti aziendali

Quando si esaminano gli ultimi 20 anni dell’evoluzione di Quark, poche persone sono in una posizione migliore per ricordarlo di questi due dipendenti: Deepak Goyal, Senior Vice President of Research & Development, che ha iniziato in Quark nel 1999 ed è il dipendente di ruolo più longevo, e Amit Sood, Vicepresidente di Global Consulting and Services, che ha iniziato la sua carriera in Quark nel 2001.

QuarkXPress era ancora il prodotto di punta all’inizio della loro carriera nei primi anni 2000, e sia Deepak che Amit hanno contribuito al suo continuo sviluppo. I loro contributi includevano un ulteriore adattamento per supportare le lingue giapponese, coreano, cinese e mediorientale, il supporto per i PDF e una maggiore attenzione ai contenuti digitali e interattivi.

Per Deepak, la chiave per navigare nel periodo di transizione degli ultimi 20 anni è stata trovare un equilibrio tra l’esperienza consolidata di Quark nella progettazione grafica e nel desktop publishing con la necessità di leggere la scritta sul muro: “È stata un’evoluzione continua. Siamo molto maturi nell’editoria, ma bisogna cambiare con il mercato. È così che vediamo la crescita: le aziende dovranno sempre adattarsi”.

Il primo passo in questo adattamento è stato reinventare il concetto di contenuto. Man mano che le organizzazioni sviluppavano una comprensione più sfumata e sofisticata dell’importanza dei contenuti, Quark vide l’opportunità di espandersi oltre il suo pubblico tradizionale di editori.

Ma entrare in altri settori verticali, come finanza, governo e prodotti farmaceutici, richiederebbe un approccio molto pratico, secondo Amit: “L’unico modo per comprendere i problemi di un cliente è osservarli direttamente”. Per Quark, ciò significava lavorare con esperti in materia in ogni verticale “per comprendere le loro sfide uniche in modo che i nostri prodotti siano in grado di parlare la loro lingua per aiutarli a completare le loro attività mission-critical”. Ha aggiunto: “Vedere la frustrazione delle persone che non sono in grado di completare il proprio lavoro è stata fonte di ispirazione per rendere l’efficienza dei nostri prodotti una priorità”.

In effetti, i prodotti che non solo soddisfano ma anticipano le esigenze dei clienti diventeranno un obiettivo costante mentre Quark si avvicinava alla fine degli anni 2000. L’azienda ha inoltre introdotto la possibilità di creare XML semanticamente ricchi per supportare un’esplosione nella documentazione tecnica e l’azienda si è inoltre orientata ulteriormente verso i contenuti interattivi. Nel 2008, l’allora CEO Raymond Schiavone ha segnalato uno sforzo all-in sui contenuti aziendali.

Man mano che le reti globali esplodevano in dimensioni e complessità, c’era una chiara necessità per le aziende di distribuire grandi volumi di contenuti multicanale senza assumere migliaia di designer ed esperti di contenuti. Content automation, dove poche persone possono controllare il processo di pubblicazione, era fondamentale per controllare le dimensioni della forza lavoro e ridurre le spese, e Quark è stato felice di rispondere alla chiamata con Quark Publishing Platform. Questo focus aziendale crescerà in complessità con l’acquisizione nel 2017 di Docurated (ora, Quark Docurated), che ha permesso a Quark di sviluppare completamente il suo content intelligence capacità. Entrambe le pratiche sarebbero essenziali per curare una moderna esperienza di contenuto aziendale.

“Quando abbiamo iniziato con le imprese circa un decennio fa, stavamo definendo il mercato”, ha affermato Amit. “Stavamo dicendo loro che questo è un problema che dovresti risolvere e per il quale devi preventivare, devi migliorare le tue linee di assemblaggio e così via. Ora, quando parlo con queste persone, capiscono già la sfida. Il mercato è maturato.”

Riflettendo su dove siamo stati e dove stiamo andando

Alla domanda su chi e cosa ha avuto il maggiore impatto durante il loro mandato in Quark, Deepak e Amit hanno fatto eco ad alcuni temi simili: leadership ispiratrice, una grande cultura aziendale e l’opportunità di affrontare sfide in continua evoluzione senza essere microgestiti.

“Ray Schiavone è stato un vero leader in tutti i sensi, e ha reso tutto così grande”, ha detto Amit. “Da quale musica sarebbe stata suonata nei municipi a come si sarebbe rivolto a te, ci ha fatto sentire parte di qualcosa di speciale.”

“I nostri leader nel corso degli anni hanno portato sul tavolo prospettive diverse, ma ugualmente preziose”, ha affermato Deepak. “Con Ray, abbiamo visto la massima professionalità. Christopher Hickey ha portato energia e passione. Ora, con Martin Owen al timone, stiamo abbracciando la sua esperienza nella strategia di prodotto e la sua chiarezza di visione per dove noi – e cosa più importante – dove i nostri clienti hanno bisogno che siamo tra cinque anni”.

Amit indica anche l’esperienza combinata del team di Quark come un importante vantaggio continuo e un’altra ragione del suo ottimismo. “La maggior parte dei clienti necessita di un certo livello di personalizzazione e ora abbiamo centinaia di anni di esperienza nei servizi professionali e nell’implementazione”.

Sia Deepak che Amit esprimono inoltre entusiasmo per i continui miglioramenti delle capacità di intelligenza artificiale e ML in tutte le linee di prodotti, road map che riflettono una strategia completa per garantire che tutte le soluzioni software di Quark funzionino insieme in modo ottimale e investimenti in servizi e supporto per fornire un ROI maggiore .

Dai un’occhiata alle parti due e tre di questa serie di blog per il 40° anniversario per saperne di più su Quark e sui nostri contributi alla progettazione grafica, al desktop e all’editoria digitale. È davvero un momento “Qool” per lavorare sui contenuti.

Copied to clipboard

Recent Blogs

Affrontare la complessità dei contenuti aziendali – l’aggiunta dell’automazione la rende facilmente raggiungibile

  • |

Celebrare la creatività: L’entusiasmo di Naman Kumar per il design con QuarkXPress

  • |

Creatività senza confini: La passione di Ove Detlevsen per la stampa

  • |